Psiche e Soma

Ricette per una vita migliore!

Month: ottobre 2007 (Page 2 of 5)

Come sembrano 200 calorie?

Su questo sito hanno fotografato l’impatto visivo di 200 calorie di differenti cibi. Le foto quindi mostrano quanti grammi di ogni cibo servono per arrivare a 200 kcal, e non è poi così drammatico. Vi sareste aspettati solo una nocciolina? Invece troverete un bel po’ di yogurt, fette di pane e tantissimi altri cibi.
Buona visione

Via geekologie.com

Un robot che ti aiuta a mantenere la forma!

Se le inventano proprio di tutti i colori questi simpatici giapponesi!
In questo caso hanno realizzato un robot che dovrebbe aiutarti a perdere peso e a fare scelte più salutari. Interagisce tramite un touchscreen dove si può selezionare i cibi che abbiamo mangiato, vedere le ricette etc. etc. Il robot quindi calcolerà la quantità di cibo da te ingerito e ti darà dei suggerimenti.
Parla (anche se non ha la bocca…) e segue i tuoi movimenti; credo però che si possano sviluppare discussioni allucinanti…. provate a scrivermene qualcuna nei commenti.

Via geekologie.com

Attenzione! Con le ali della Red Bul si rischia di volare nell’ Aldilà.

Dopo aver capito cosa succede al tuo corpo quando bevi una Coca Cola e in che modo la Red Bull ti mette le ali ecco che è giunta l’ora di informarvi su dove potreste andare con le ali della Red Bull: nell’ Aldilà.
Infatti secondo una ricerca brasiliana bevendo il cocktail Vodka-Red Bull o qualsiasi altro cocktail con bevande alcoliche e bibite energizzanti si ha la sensazione di non essere ubriachi, e invece lo si è davvero.
Una ricerca effettuata da un equipe di scienziati brasiliani, pubblicata sulla rivista «Alcoholism: Clinical and Experimental Research» ha studiato le reazioni di 26 uomini dopo che avevano bevuto una delle più diffuse bevande energetiche miscelata con l’alcool. I risultati sono allarmanti: tutti i soggetti erano sicuri di essere sobri mentre in realtà la loro percezione era molto alterata. Questo è un serio problema poiché la sensazione di essere sobri è causata dalla mancanza della sonnolenza tipica dell’ubriachezza, mentre tutti gli altri sintomi restano inalterati, e ciò spinge i ragazzi a mettersi tranquillamente al volante senza avere un’esatta percezione del rischio. Intervistato il portavoce della Red Bull ha affermato che la sua azienda non ha mai fatto promozione del mix contestato.
Una considerazione finale: le cavie dello studio sono state pagate per ubriacarsi?? Se si, allora hanno proprio un bel lavoro, simile ai collaudatori dei materassi…P.S. anche oggi ho avuto difficoltà nel trovare la foto giusta e ho dovuto accontentarmi…

L’hamburger più costoso del mondo e altre schifezze molto ma molto care

Daniel Bouloud uno chef celebre negli USA ha cucinato e servito l’ hamburger più costoso del mondo. Questo panino è stato fatto con costoletta senza osso brasate con vino rosso, foie gras, un mix di verdure e tartufo nero.Questo hamburger (se volgiamo chiamarlo così) è servito su una fetta di parmigiano grigliato, semi di papavero, lattuga ed altre verdure. Si chiama “The DB Royale double truffle burger” e costa 120 Dollari Americani!

Ma dico io se sono così stupidi da spendere tutti questi soldi per un hamburger allora è giusto farli pagare 10 euro un caffè in Piazza San Marco!!Non è comunque questa l’unica “creatura” costosissima dello chef, qui di seguito potete ammirare le foto di “Macaroni” formaggio e tartufo (95$!!), gelato all’oro (1000$!!!!) …



Il placebo. Come funziona questa bugia?

Definizione di wikipedia: Il placebo (futuro del verbo latino placere, letteralmente “io piacerò”) è una sostanza inerte o una qualsiasi altra terapia o provvedimento non farmacologico (un consiglio, un conforto, un atto chirurgico) che, pur privo di efficacia terapeutica specifica, sia deliberatamente utilizzato per provocare un effetto positivo su di un sintomo o una malattia .Se ne parla da sempre e spesso è un’ottima alternativa ai farmaci tradizionali o è l’unica soluzione in caso di malattie psicosomatiche o per cui non esiste ancora una terapia.
Ma come funziona? E’ da tempo che gli scienziati tentano di dare una spiegazione scientifica e da poco è stata pubblicata una ricerca che sembra mettere tutti d’accordo.
I ricercatori dell’Università del Michigan con questo studio hanno dimostrato che l’effetto dipende da una zona ben definita del nostro cervello, il nucleus accumbens; questo nucleo di materia grigia si attiva quando ci si aspetta qualcosa di positivo.
Allora basta essere sicuri che il farmaco produrrà un effetto positivo che si attiverà questa area permettendo così il rilascio di endorfine (i nostri antidolorifici) che permetteranno una riduzione del malessere percepito.
Quindi l’effetto è psicologico ed ha alla base dei meccanismi neurofisiologici ben precisi.
Chiaramente starà al medico convincere il paziente che questo “farmaco” è sicuro e portentoso, ma in questo caso possiamo parlare di bugia buona…
Se volete approfondire l’argomento ci consiglio questo post pubblicato su fuorilemura.

Ps: non avendo trovato una buona foto del placebo ho dovuto accontentarmi :)

Il glossario per le allergie alimentari

Un dizionario per tradurre, in tutti i principali idiomi, gli ingredienti dei prodotti alimentari. Pensando alle intolleranze e alle allergie

Se un italiano è allergico al latte di capra e va in vacanza a Praga, come fa a individuare al volo, leggendo la lista degli ingredienti, l’alimento proibito? È sufficiente stamparsi una guida dal sito dell’associazione Food-Info per partire tranquilli, nella consapevolezza che latte di capra si dice kozi mleko. Uno dei principali problemi delle vacanze è rappresentato infatti dal cibo: cibo che non sempre piace, cibo che provoca forti nostalgie, cibo cui non si è abituati o di cui semplicemente talvolta non si capiscono gli ingredienti, anche per un ostacolo linguistico. Ad aggravare la situazione sono le possibili allergie o anche le semplici intolleranze alimentari, sempre più frequenti tra la popolazione. Secondo alcuni si tratta di un’alimentazione sempre più discutibile, secondo altri esiste anche un effetto moda che porta a chiamare «intolleranza alimentare» quello che banalmente un tempo veniva identificato come esagerazione nell’assunzione di alcuni prodotti. Sta di fatto che la sensibilità all’argomento aumenta, tanto che è nata un’iniziativa utile quanto curiosa.
Un altro dizionario da scaricare in Pdf
IL GLOSSARIO – In collaborazione con l’Università di Wageningen, il sito Food-Info.net e la Federazione europea per la Scienza e la Tecnologia alimentare (EFFoST) presentano un glossario dedicato a più di 200 ingredienti tipici, come il lattosio, la soia e il glutine, divisi a loro volta in varie categorie e tradotti in più di trenta idiomi. In tutto nella lista sono contemplate più di 700 combinazioni di lingue: dal danese al turco, dal cinese al giapponese, dall’italiano al tedesco, dall’arabo al swahili. Una guida utile al turista, per identificare al volo l’eventuale ingrediente traditore che rischia di mimetizzarsi dietro l’ostacolo della lingua. E rovinare le vacanze.

Le più belle news della categoria salute e alimentazione di oknotizie della settimana

Ecco le news da me preferite di questa settimana scelte dalla categoria salute e alimentazione di oknotizie:

Iphone, il nuovo Telefonino Cellulare Farebbe Male… soprattutto agli Organi Riproduttivi maschili
Se un bambino è distratto, se non segue le direttive e si agita, oggi può essere etichettato come malato mentale
Sono per l’Agricoltura Biologica. A Qualcuno dà Fastidio?

Uranio, una guerra di scorie.

Buona lettura.

Lobotomia veloce a 300 dollari!


Spero solo che sia uno scherzo di cattivo gusto…

Poster: numero di abitanti per medico nel mondo.

Clicca per vedere l’immagine ingrandita.

Questo poster è appeso in moti studi medici dell’Olanda per far capire alla popolazione quanto è privilegiata e quanto sarebbe importante aiutare le nazioni del terzo mondo.
Se non vado errato anche in Italia siamo messi abbastanza bene (280:1, quel 750:1 dovrebbe appartenere all’Albania), anche meglio degli USA (anche Moore in Sycko lo dice) e almeno fin ad oggi le prestazione offerte dai medici sono praticamente gratuite se ti rivolgi al settore pubblico della sanità (anche se poi la prima mammografia te la prenotano per il 2010!!!!).
Vediamola quindi come una buona notizia anche se questo poster valuta la quantità e non la qualità dei medici…Advertising Agency: EuroRSCG Amsterdam, Netherlands
Creative Directors: Laurens Boschman, Joost van Praag Sigaar
Executive Creative Director: Lorenzo de Rita
Art Director: Laurens Boschman
Copywriter: Joost van Praag Sigaar
Account Handling: Willem Nas, Eefje Beekmans
Published: September 2007

Non mangiare il cibo rosso! La proibizione di snacks nei bambini porta al loro maggiore consumo.

Abstract dello studio scientifico.
Lo studio ha indagato i possibili effetti avversi della limitazione esterna dell’introduzione di cibo, nei bambini. Sono stati arruolati 74 bambini da 6 scuole diverse (Olanda,Germania e Belgio) di 5 o 6 anni di età. I partecipanti (sebbene controllati per genere) sono stati assegnati casualmente ad una delle due condizioni (proibizione o nessuna proibizione). L’esperimento prevedeva due fasi; durante la fase 1 ebbe luogo la manipolazione con proibizione, mentre la fase 2 prevedeva “puoi mangiare tutto” per entrambi i gruppi. Le variabili dipendenti erano le kcal assunte, e la proporzione di snacks proibiti consumati, e il desiderio verso gli snacks proibiti. Sono state presentate ai soggetti quattro ciotole contenenti rispettivamente:cioccolatini M&M’s rossi, cioccolatini M&M’s gialli, patatine rosse, patatine gialle. Al gruppo sperimentale è stato proibito di mangiare cibo rosso durante la fase 1 (impedito un colore di cibo e non un genere di cibo! I due colori non differivano in gusto).

Read More

Page 2 of 5

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén