Psiche e Soma

Ricette per una vita migliore!

Vaccino e influenza suina: facciamo un po’ di chiarezza.



suina

Fino ad ora non avevo ancora parlato di vaccino contro la Nuova Influenza perchè le informazioni che circolavano erano ancora poco chiare e fare “controinformazione” in maniera superficiale può arrecare alla popolazione gli stessi danni dell’informazione ufficiale spesso pilotata da interessi economici e fra i danni peggiori c’è l’allarmismo ingiustificato. Dire a priori che il vaccino farà più male che bene non può far altro che causare dubbi gravi nel lettore inducendolo a fare pensieri di questo tipo: “se mi vaccino muoio e se non mi vaccino mi ammalo di questa terribile influenza e muoio, cosa faccio???”
Per ora quindi la prima cosa da fare è tranquillizzare tutti: sia se ti vaccinerai sia ti contrarrai il nuovo virus è mooolto poco probabile che ti capiti qualcosa di brutto! Ti ripropongo in maniera ampliata la domanda che ho fatto spesso negli ultimi tempi: ti sei mai preoccupato di ammalarti di influenza? Ti sei mai preoccupato dei danni arrecati dal vaccino contro l’influenza? La risposta sono sicuro che è negativa.
Fatta questa doverosa introduzione è arrivato il momento di affrontare il discorso sul vaccino.

Il vaccino ci salverà?

Cito e poi analizzo le sagge parole di un comunicato di Giuseppe Remuzzi dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri:
“Il vaccino dobbiamo averlo perché potrebbe servire”. Verissimo ed io non vorrei trovarmi nei panni di coloro che hanno detto che il vaccino è il male che è inutile etc etc il giorno in cui inizieranno a morire tanti anziani e malati cronici non vaccinati. Quel “potrebbe servire” si riferisce a due situazioni: può servire per salvare la vita a malati cronici e anziani (le stesse categorie che si vaccinano per l’influenza stagionale del cui vaccino nessuno si preoccupa più di tanto); può servire nel caso remoto che il virus muti e che il vaccino sia efficace anche contro il virus mutato.
– “Il virus potrebbe mutare e farsi più pericoloso, in quel caso però non è detto che il vaccino che è stato preparato in queste settimane funzioni ancora.” Eccoci al punto più importante di tutta la questione! Alla stato attuale il virus non fa paura a nessuno. Si diffonde più rapidamente ma è’ meno letale del virus stagionale. I media ufficiali per indurre la popolazione a credere nell’importanza del vaccino in questi giorni ha fatto leva sulla possibilità che il virus muti in maniera più aggressiva ma non è detto che mai succederà e soprattutto nessuno ci garantisce che il vaccino appena prodotto sia efficace contro il virus mutato! Giuseppe Remuzzi dice che “qualche studio recente suggerisce che il vaccino preparato contro l’influenza H1N1 che circola adesso potrebbe proteggere anche da eventuali forme mutate, ma sono considerazioni teoriche” e l’ Associazione Culturale Pediatri ci informa che “Ma per diventare aggressivo il virus dovrebbe cambiare (per mutazione? riassortimento con altri virus?), quindi i vaccini mirati al virus attuale, potrebbero non essere utili.”
Non serve quindi vaccinarsi per evitare il virus mutato e pericoloso e non serve vaccinare tutti per evitare un virus meno letale della stessa influenza stagionale. La domanda quindi da farsi è: a che pro vaccinare bambini e giovani se i rischi di effetti collaterali sono maggiori dei benefici? E infatti il piano in cui parlano di vaccinare tutti i ragazzi e i giovani è solo un piano teorico e non è detto che verrai mai realizzato.

– “E’ importante invece organizzarsi per monitorare la diffusione del virus e la sua gravità. Se ci fosse evidenza che il virus si diffonde rapidamente e cominciassero a manifestarsi complicazioni si dovrebbero cominciare a vaccinare gli operatori della salute o chi è maggiormente a contatto col pubblico. Acquisiti i dati: sicurezza, efficacia – dagli studi in corso (quelli dei governi e dell’industria) e sulla base dell’esperienza con le prime vaccinazioni – si deciderà a quali categorie eventualmente estendere la vaccinazione tenendo presente la grande organizzazione che è richiesta da una vaccinazione di massa. In particolare è impossibile dare al momento qualsiasi indicazione per la eventuale vaccinazione dei bambini.”
Quindi se a Ottobre/Novembre avremo la certezza che il virus si è diffuso in maniera massiccia o nel caso rarissimo che sia mutato gli unici che dovrebbero essere vaccinati sarebbero gli operatori sanitari (per evitare che contagino tutti i loro pazienti) e poi le persone a rischio (malati cronici e anziani).

Questi sono i punti più salienti che serviranno ad orientarci fra le centinaia di notizie più o meno vere e più o meno allarmanti che circolano in questi giorni.

Nota finale 1: Nuovo articolo sul vaccino dal titolo “Vaccini e influenza suina. Foglietto illustrativo, categorie a rischio e qualche importante precisazione.”
Nota finale 2: ho aggiornato l’articolo “Influenza Suina: cosa fare, cosa sapere e di chi fidarsi”.

Per approfondire:

Criteri scientifici di orientamento – Tutto quello che devi sapere per tutelare davvero la tua salute e quella dei tuoi cari
Prezzo € 9,00

C’è anche la versione ebook scaricabile velocemente:

Prezzo € 4,50
Compralo su Macrolibrarsi

firma.png

Previous

La lotta alla SLA passa dalla beneficenza.

Next

Infradito mortali…

24 Comments

  1. Ciao, post informato ed equilibrato come sempre. Bravo :)
    Ti segnalo da nograziepagoio.it: http://www.nograziepagoio.it/Influenza_Gervas_Passerini.pdf

  2. @Luigi molto interessante il link. Grazie :)

  3. Max

    Buongiorno Davide. Io ho ascoltato alcuni giorni fa un funzionario (medico) in una trasmissione radiofonica rai (purtroppo non ricordo il nome né la trasmissione) che in modo molto convincente ha detto questo: l’influenza H1N1 ha circa la stessa mortalità di un’influenza normale – quindi bassa – ma a differenza dell’altra è pandemica, cioè sconosciuta ai nostri sistemi immunitari e quindi in grado di attaccare una quota molto maggiore della popolazione. Ne consegue che il numero di malati gravi può essere, in valore assoluto, molto rilevante, tale da mettere in crisi il sistema sanitario. Gli anziani sembrano esserne meno colpiti e quindi per loro è consigliato il vaccino dell’influenza comune. Il punto non è se vaccinarsi e/o morire, ma vaccinarsi per ridurre la portata del fenomeno che sarà, si teme, numericamente rilevante più che particolarmente mortifero. Sull’idea poi che il vaccino sia solo business, bé ognuno può credere quello che vuole.

  4. ma chi è davide?

  5. Abcdefghilmnopqrgsuvz

    Ci sono tantissime voci sul virus (dicono che è stato creato dall’uomo, che il vaccino è pericoloso, ecc.). Inizialmente certe cose mi sembrano fantasiose, ma le coincidenze sembrano diventare troppe.
    Quindi ho alcune domande da fare:
    – IL VACCINO CONVIENE FARLO O NO? E’ vero che potrebbe essere inefficace o addirittura pericolose?
    – UN RAGAZZO DI 17 ANNI ASMATICO LO DEVE FARE O NO? Perchè lo consigliano agli asmatici, ma, almeno per ora, lo sconsigliano ai ragazzi fino ai 18 anni..
    – CON COSA E’ FATTO IL VIRUS? Contiene l’uovo?

  6. Per quel che riguarda i rischi del vaccino per la febbre suina questo sono le notizie che ho estrapolato da un articolo inglese:

    http://febbresuinaitalia.blogspot.com/2009/08/i-rischi-del-vaccino-per-la-febbre.html

  7. Abcdefghilmnopqrgsuvz

    io ho letto quello che dice l’utente qui sopra e ho pensato quindi che non farò il vaccino

  8. joe kondo

    Non fate il vaccino,non serve a niente. serve solo a gonfiare le casse delle multinazionali farmaceutiche.Qui si spiega il vero motivo per cui colpisce l’influenza:http://www.disinformazione.it/influenza_vero_motivo.htm

  9. nicolas.

    io cardiopatico, il mio bambino di 7 anni asmatico non so se vaccinarci o no, farò quello della influenza stgionale e aspetterò gli esiti degli studi sul vaccino h1n1 mi piacerebbe sapere di più sulle categorie a rischio. . .

  10. anna

    la prevenzione… inquanto alla pandemia, un sanitario deve sapere come comportarsi assecondo l’evuluzione di essa per tenerla sotto controllo ….

  11. Creta

    Un grave allarme arriva dall’ Inghilterra sui possibili rischi a cui si andrebbe incontro con il nuovo vaccino della febbre suina. Il Daily Mail , qui potete leggere l’articolo, è riuscito ad intercettare una lettera che in via confidenziale le autorità sanitarie hanno mandato il 29 luglio 2009 a 600 neurologi chiedendo di indagare sul possibile collegamento tra sviluppo della Sindrome di Guillain-Barré e vaccino della febbre suina. Il vaccino potrebbe portare a contrarre proprio questa grave malattia che paralizza gli arti facendo arrivare il paziente anche alla morte per insufficienza respiratoria. La lettera fa anche riferimento a quello che successe in Usa nel 1976 con un vecchio vaccino per l’ influenza suina che si sviluppo’ allora, simile a quello attuale. Ci furono piu’ decessi (25 morti) dovuti al vaccino che non a causa della febbre stessa (1 morto) e si contarono 500 nuovi casi della sindrome di Guillain Barre’.
    Il Dottor Richard Halvorsen, autore di “The Truth About vaccines (la verità sui vaccini) ” ha spiegato che per le persone con gravi problemi di salute di base, il rischio di morire di influenza suina è probabilmente superiore al rischio degli effetti collaterali del vaccino, ma questo il virus H1N1 è probabilmente così leggero che basta stare qualche giorno al letto per sconfiggerlo, mi domando pero’ a cosa serva vaccinare l’intera popolazione”.
    In molti a questo punto si chiedono perchè siano stati ordinati milioni di vaccini per l’influenza suina senza averli attentamente testati prima.

  12. joe kondo

    A cosa serve vaccinare l’intera popolazione? Serve alle aziende farmaceutiche per $$$$££££.
    Dov’è questa ‘pandemia’, cioè “Epidemia a larghissima estensione, senza limiti di regione o di continente.”? – Microsoft® Encarta® 2009.
    Perché nelle zone del mondo dove fin’ora è stato inverno non si è diffusa questa pandemia come la chiamano? Hanno bloccato il virus al confine?O forse il virus preferisce aspettare l’inverno per attaccare dalle nostre parti? E in zone dove le condizioni igieniche sono precarie invece? Forse i governi non hanno soldi per comprare i vaccini? Oppure c’è qualcosa dietro che cercano di tenerci nascosto? Io non vedo nessuna pandemia. La TV ne dovrebbe parlare, giusto? Quello che si sta diffondendo è invece tanta disinformazione e ignoranza!!!

  13. Patty

    Vorrei un chiarimento: il virus ha una più elevata mortalità perchè si diffonde più rapidamente o perchè è più aggressivo? grazie

  14. Ma dove lo hai letto che ha una più elevata mortalità? Si diffonde abbastanza facilmente ma la mortalità è legata a complicazioni dovute a pesanti patologie già presenti nei pazienti, nella maniera identica ad una NORMALE FEBBRE STAGIONALE che in Italia uccide 8mila persone l’anno, sono i dati ufficiali del ministero:

  15. Buongiorno,
    i vaccini H1N1, i cui nomi commerciali in Europa sono Focetria e Pandemrix sono altamente tossici: contengono fenoli, mercurio, formaldeide, squalene…. tutte composti che hanno causato notevoli malattie invalidanti in ogni fascia d’età.
    Ognuno è libero di scegliere secondo la propria coscienza ma è bene sapere a fondo acìnche ciò che non viene dette sui mainstream tradizionali e non è un caso che la maggior parte degli operatori sanitari, incluso il sottoscritto, hanno detto di NO ad un obbligo di vacciazione troppo sospetto e con un composto mai sperimentato su essere umano.
    Attenzione a coloro che affermano che il vaccino è sicuro perchè sono in completa malafede.
    L’imposizione all’obbligo vaccinale è simile alla presunta epidemia di influenza suina che si verificò negli USA nel 1976: allora ci furono più morti da vaccino che da influenza.
    Ora il tentativo è di riportare su scala mondiale ciò che non riuscì nel 1976 negli soli USA.

  16. per Gabriele:
    hai link di riferimento anche in inglese per dimostrare che Focetria e altri vaccini per la febbre suina siano tossici?

  17. steve

    al di là delle perplessità sul mercurio (anticontaminante) e sullo squalene (adiuvante) contenuto nel vaccino h1n1 le stesse sostanze si trovano negli latri vaccini adiuvati per la stagionale (tipo Fluad e altri) o in altri vaccini come quello che fanno alle bambine contro il papilloma virus ergo: o uno si vaccina per tutto tranquillamente oppure non si vaccina affatto. Farsi il vaccino per la stagionale (per lo meno un tipo adiuvato che va per la maggiore) e poi avere paura di quello h1n1 non ha senso in quanto sono uguali, cambia solo il tipo di ceppo virale che il corpo umano deve riconoscere.

    • angelo

      secondo me dietro questa influenza c’è un grandissimo interesse di denaro anche se sono daccordissimo con il commento di steve se andate a controllare com’è composto il vaccino satgionale (FLUAD) per l’influeza vi accorgerete che contiene gli stessi adiuvanti contenuti nel vaccino per l’influenza suina cambia soltanto il tpo di ceppo virale che il corpo umano deve riconoscere.
      allora c’è seriamente da porsi una domanda perchè in italia circola questo vaccino con questi adiuvanti tipo squalene e mercurio dall’ormai lontano 1997 e non si è fatta mai nessuna polemica in merito mentre per il vaccino e gli adiuvanti “IDentici” contenuti nel vaccino per l’influenza suina su internet girano migliaglia di video che sicuramente non aiutano affatto le persone che sono allo scuro di tutto e avrebbero intenzione di vaccinarsi perchè sofferenti da patologie asmatiche etcc..??
      EVVIVA L’INFORMAZIONE!!! O PER MEGLIO DIRE LA BEATA IGNORANZA!!

  18. gianfranco

    ho 67 anni, devo vaccinarmi per l’influenza suina oppure per me non serve superando l’età di 65 anni anche il ministro fazio non si spiega bene però una cosa è certa che molta gente muore cosa mi consigliate di fare, aspetto vostre notizie
    vi ringrazio anticipatamente distintamente
    gianfranco raspa

  19. per Gianfranco:
    ti consiglio di evitare il vaccino a meno che tu non soffra di gravi patologie
    respiratorie e cardiache, insomma in tutti i casi in cui è meglio evitare una febbre qualsiasi.

  20. http://klamya.spaces.live.com/blog/cns!5AC3EA5FF290F40F!5848.entry

    CLICCATE LINK SOPRA ECCO COSA HO SCOPERTO GIORNI FA… ATTENTI PRIMA DI VACCINARVI!!!

  21. flavia

    il vaccino H1N1 è un vaccino ricombinante?

  22. per Katia:
    per quanto io sia convinto dell’ inutiità del vaccino se non per chi soffra di gravi patologie, il protagonista del video (David Icke) non è nè un virologo, biologo e tantomeno medico..non dà spiegazoni scientifiche del perchè non si debba vaccinarsi. Parla solo di complotti ecc ecc..

  23. emiliano

    ci sono molti dubbi ed ombre su questa vicenda…ogni morto viene contato e sbattuto in prima pagina al telegiornale…uno per uno…gli altri anni ci sono stati moltissimi morti per l’influenza e non se ne parlava mai…mai si erano contati i morti per l’influenza,e ce ne sono stati tantissimi…il quadro non è affatto chiaro!l’unica cosa certa è che se questo virus si combinasse col virus dell’aviaria sarebbe una tragedia…renderebbe l’aviaria trasmissibile da uomo a uomo e l’aviaria ha un tasso di mortalìtà di oltre il 50 per cento!certo però si risolverebbe l’enorme ed irrisolvibile problema della sovrapopolazione della terra…quale governo democratico avrebbe mai il coraggio di adottare misure come fanno in cina per contenere il boom demografico…nessun governo occidentale limiterebbe mai la libertà di fare figli…però hai visto mai che un virus……..

Lascia una risposta

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén