Psiche e Soma

Ricette per una vita migliore!

Tag: insonnia

Pecore insonni… alleniamo la mente!

domanda

Ecco a voi l’indovinello della Domenica:

Le 21 pecore di un pastore non riescono a prendere sonno. Il pastore allora si rivolge ad un amico che, per beffarsi di lui, gli dice che per risolvere il problema deve raccogliere le pecore in quattro diverse zone delimitate da pietre, in maniera che in ogni zona ci sia un numero dispari di pecore. L’amico beffardo se ne va soddisfatto pensando che era impossibile disporre 21 pecore in questa maniera, ma si stupisce quando il giorno dopo vede che il pastore è riuscito nell’operazione. Come ha fatto?

La soluzione verrà scritta nei commenti qualche giorno dopo la pubblicazione del post (a meno che non indoviniate prima…e non usate google!

Cose strane che possono accadere mentre dormi…

cat

Con il termine di parasonnie si indica un insieme di manifestazioni critiche, caratterizzate dalla presenza di fenomeni motori o neurovegetativi, che si manifestano durante il sonno. Le parasonnie, nettamente più frequenti nell’età infantile, vengono attualmente classificate i tre gruppi a seconda della loro comparsa nel corso della notte: “disordini dell’aurasl”, “disordini della transizione sonno-veglia”, “parasonnie associate al son-REM”; rimane poi una serie di manifestazioni non ancora perfettamente inquadrabili in nessuno dei gruppi citati, fra le quali vi sono il bruxismo, l’enuresi notturna ecc.

Read More

Igiene del sonno: le 10 regole per fare sogni d’oro..

dormire

Ecco le 10 regole per una corretta igiene del sonno:

1. Non rimanere a letto più del necessario ma dormire quel tanto che basta per sentirsi riposati ed efficienti durante il giorno
2. Coricarsi e risvegliarsi al mattino sempre alla stessa ora per rafforzare la ciclicità dei ritmi biologici e favorire un regolare addormentamento alla sera
3. Evitare di fare attività fisica la sera tardi
4. Insonorizzare il più possibile la stanza e mantenere una temperatura non superiore ai 24°
5. Non coricarsi a digiuno ed evitare eccessi alimentari, non concedersi sonnellini pomeridiani
6. Evitare di bere caffè, té, coca cola alla sera
7. Limitare l’uso di bevande alcoliche
8. Limitare il fumo
9. Se non si dorme è preferibile alzarsi e fare qualcosa
10. Evitare di dormire davanti alla televisione prima di coricarsi

Classificazione dell’insonnia.

insonnia

Se una persona soffre di insonnia potrà trovare utile il seguente articolo in cui proviamo a classificare i vari tipi di insonnia.
Una semplice classificazione dell’insonnia è, secondo il criterio della durata, in tre forme: occasionale (di pochi giorni); transitoria (da una settimana a tre mesi); persistente (superiore a tre mesi).
Un’ altra suddivisione riguarda la differente distribuzione della veglia nel corso della notte che permette di riconoscere un’insonnia iniziale, caratterizzata da difficoltà a passare dallo stato di veglia quello di sonno, con latenza di addormentamento superiore ai 20 minuti; un’insonnia intermedia con presenza di risvegli, numero e durata variabili, tali da rompere con frequenza la regolare lettura del sonno; un’insonnia finale, caratterizzata dalla brusca interruzione sonno con un risveglio finale precoce. Questi tre tipi di insonnia possono coesistere realizzando una forma mista.

I quadri di insonnia sono:
L’insonnia psicofisiologica persistente è uno dei tipi di insonnia più frequente che in genere si riscontra in pazienti presentano uno stato di ansia la cui entità non è però sufficiente a rispondere ai criteri di un disturbo mentale:
la falsa percezione di sonno in cui i pazienti si lamentano di aver dormito poco o affatto, mentre con registrazioni poligrafiche non risultano evidenti disturbi del sonno;

Read More

Consigli per combattere l’insonnia

insonnia

Siete stanchi di contare le pecore ? Non ne potete più di osservare le crepe sul soffitto? Passare una notte in bianco è una delle esperienze più insopportabili che ci possa essere, inoltre l’indomani vi sentite come delle larve e inabili a svolgere le attività più insignificanti. Questi sono i motivi per cui è importante dormire bene, qui di seguito vi diamo dei piccoli suggerimenti per migliorare le vostre ore notturne.

Riducete il tempo che trascorrete davanti alla tv prima di andare a dormire

L’abitudine di controllare le email oppure di guardare la televisione prima di mettervi nel letto non è una decisione saggia, infatti i risultati di una ricerca mostrano che le persone che hanno questa abitudine hanno una qualità del sonno inferiore a quelli che invece non la possiedono, a parità di ore di sonno.

Fate esercizi per migliorare il vostro sonno

Sono noti a tutti gli innumerevoli benefici apportati dall’attività fisica uno di questi è proprio donare al corpo un riposo migliore. Un suggerimento da tenere presente è di svolgere gli esercizi fisici nelle ore diurne, infatti è sconsigliato fare ginnastica di sera prima di andare a dormire. Alcuni ricercatori che hanno condotto studi sul cancro guidati dal professor Fred Hutchinson hanno raggiunto la conclusione che le donne in menopausa che abitualmente svolgevano attività fisica al mattino si addormentavano con maggiore facilità rispetto a quelle che lo facevano nelle ore serali.

Read More

5 Miti sui disturbi del sonno

insonniaI dottori e gli specialisti che studiano il sonno hanno identificato più di cento tipi diversi di disturbi del sonno. I disturbi del sonno vengono suddivisi in quattro differenti categorie, delineate dall’International Classification of Sleep Disorders. Queste categorie sono disomnia, parasomnia, disordini psichiatrici e disturbi del sonno.
Esempi di dissonia includono diverse sottocategorie di insonnia, la narcolessia, l’apnea notturna e la sindrome dei movimenti involontari. Esempi di parasonnia includono movimenti di sonnambulismo, bruxismo ( digrignare i denti nel sonno) e il russare.
I disturbi del sonno dovuti a ragioni mediche e psichiatriche includono l’asma, l’ulcera peptica, la dementia e disturbi degenerativi del cervello .
Poi ci sono altri disturbi legati al sonno come ad esempio gli individui che dormono troppo, oppure quelli che dormono troppo poco, e quelli che soffrono della sindrome da soffocamento nel sonno.

Esistono molti miti riguardanti il sonno e i disturbi ad esso collegati, molti dei quali sono da sfatare. Diamo una rapida lettura di queste leggende che hanno invaso le nostre città.

Read More

20 usi per gli olii essenziali.

lavanda Gli olii essenziali sono prodotti ottenuti per estrazione a partire da materiale vegetale aromatico. Possono avere tantissimi usi sia terapeutici (vd. aromaterapia) sia cosmetici e qua ve ne elencherò una ventina:

1 Per avere sempre un buon profumo, vaporizzate alcune gocce del vostro olio essenziale preferito su fazzoletti, abiti, borse. Inoltre puoi anche aggiungere qualche goccia di olio sugli abiti ancora umidi, dopo il lavaggio.
2 Quando il potpourri ha perso la sua fragranza puoi ravvivarlo con qualche goccia di olio essenziale. Aggiungi delle gocce di olio profumato a dell’acqua in una bottiglia dotata di spray, e poi usala per deodorare gli ambienti in maniera naturale.
3 Per poter godere del profumo di una candela basta mettere qualche goccia di olio profumato sulla cera fusa ancora calda.
4 Per disperdere i fastidiosi odori dopo la cottura di alcuni cibi mettete chiodi di garofano in una vaschetta con dell’acqua.
5 Per muscoli affaticati aggiungete un pizzico di cannella, foglie di salvia e basilico aggiunto ad olio alle mandorlle dolci oppure a qualsiasi olio vegetale, con questo dedicatevi un vigoroso massaggio.
6 Per alleviare i dolori provati da un’emicrania potete applicare qualche goccia di rosmarino oppure di lavanda.
7 Aggiungi 10 gocce del tuo olio essenziale preferito al bicarbonato di sodio, una volta mescolati versatelo sui tappeti di casa, lasciatelo agire per qualche ora dopo scoprirete i vostri tappeti ravvivati.
8 Le tue scarpe necessitano di una rinfrescata? Alcune gocce di olio di limone direttamente all’interno delle scarpe.
9 Per realizzare un collare antipulci naturale basta cospargere una parte del collare del vostro animale con gocce di olio essenziale alla rosa.

Read More

Cellulari e rischio insonnia.

cellulareUna nuova ricerca mostra che usare il cellulare prima di addormentarsi può rendere più difficile l’addormentarsi e il dormire bene.
Lo studio, finanziato dalle aziende di telefonia mobile, suggerisce che le radiazioni del cellulare possono causare insonnia, emicranie e confusione; possono anche diminuire la quantità di sonno profondo – interferendo con la capacità del corpo di riposarsi.
Lo studio è stato effettuato dal Karolinska Insitute (Svezia) e dalla Università Wayne degli Stati Uniti.
Gli scienziati hanno studiato 35 uomini e 36 donne sono invecchiato fra 18 e 45. Alcuni sono stati esposti a una radiazione equivalente a quella ricevuta da un cellulare, altri sono stati messi nelle stesse circostanze, ma gli è stato solo fato credere di essere stati esposti alle radiazioni.
Quelli esposti alle radiazioni hanno impiegato più tempo per entrare nella prima delle fasi più profonde del sonno ed il loro sonno profondo è durato di meno.
Il professor Bengt Arnetz ha detto: “lo studio suggerisce fortemente che l’uso del cellulare è associato con cambiamenti specifici nelle zone del cervello responsabili dell’attivazione e della coordinazione dello stress.”
Un’altra teoria è che la radiazione può interrompere la produzione del melatonina, ormone che controlla i ritmi interni del corpo.

Read More

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén