Psiche e Soma

Ricette per una vita migliore!

Salvare vite nel Terzo Mondo? Talvolta la “ricetta” è semplice.



Con una bibita si potrebbero salvare milioni di bimbi dalla diarrea.

A volte basterebbe poco per salvare milioni di vite nei Paesi in via di sviluppo. Un cucchiaino di sale e 8 di zucchero sciolti in 1 litro d’acqua pulita (o bollita) da bere lentamente e continuamente: con questa semplice ricetta si potrebbero salvare 5 mila giovani vite al giorno, stroncate dalla disidratazione da diarrea cronica: più della malaria, dell’Aids e della Tbc insieme. Lo zucchero fa assorbire il sale, e il sale trattiene l’acqua nei tessuti: in più del 90% dei casi la disidratazione si inverte. La ricetta fu sperimentata nel 1971 nell’epidemia da colera sviluppatasi nel campo profughi ai confini tra l’India e il Bangladesh, e ora sta diffondendosi. Ma ancora oggi molti genitori non la conoscono, e la diarrea miete 1,9 milioni di morti l’anno solo fra i bambini di età inferiore a 5 anni.

Vaccini salvavita
Poi c’è il problema dei vaccini: dal 1999 la Gavi (Global Allian- ce for Vaccines and Immunisation) che riunisce Oms, Unicef, Bill and Melissa Gate Foundation e le industrie farmaceutiche, si prefigge di vaccinare i bambini del Terzo Mondo contro le malattie prevenibili. Dei 130 milioni di bambini che nascono ogni anno, 2-3 milioni moriranno di malattie che un vaccino avrebbe potuto prevenire. Dal 2000 il programma vaccinale di Gavi ha salvato milioni e milioni di vite.

Brevetti contesi
Ma i vaccini non bastano. Ci vogliono farmaci. E quelli del mondo industrializzato costano troppo per i Paesi in via di sviluppo. Il primo a reagire fu il Sud Africa che per arginare l’ecatombe dell’Aids iniziò a produrre, a prezzo contenuto, i farmaci nonostante fossero coperti da brevetto: 38 aziende farmaceutiche risposero facendogli causa. Le proteste dell’opinione pubblica mondiale le convinsero a ritirarsi e il 14 novembre 2001 l’Organizzazione mondiale del commercio (Wto) firmò la dichiarazione di Doha che dava la priorità alla salute pubblica rispetto ai brevetti. Ma il principio non è accettato ovunque. L’azienda svizzera Novartis,per esempio, ha fatto ricorso contro la legge indiana sui brevetti. L’India è una delle principali fonti per tutti i Paesi in via di sviluppo di farmaci generici a prezzi accessibili, incluse molte versioni di medicine contro l’Aids. La legge indiana riconosce infatti solo i brevetti sui medicinali veramente innovativi e rifiuta i miglioramenti insignificanti apportati sulle molecole già in commercio. I farmaci indiani sono “copie” dei farmaci occidentali con la stessa efficacia (spesso certificata dall’Oms),ma molto più economici: la meflochina, un antimalarico, costa 37 $ negli Usa e 4 in India. L’Azt per l’Aids costa 239 $ al mese negli Usa e 48 in India. Metà dei farmaci utilizzati nella lotta all’Aids nei Paesi poveri provengono dall’India. Ma per fortuna la Novartis ha perso il ricorso!

Mancano quelli veri, in compenso abbondano i falsi
L’Oms stima che sul mercato del mondo in via di sviluppo un farmaco su 4 sia falso. Non vengono tutti da Paesi del Terzo Mondo: il 30% di questi viene da Paesi sviluppati. Sono farmaci che contengono principio attivo in dosi insufficienti o ingredienti sbagliati. Si tratta di ormoni, analgesici, ma soprattutto antibiotici, antimalarici e anti Aids. L’ordine dei farmacisti della Guinea per esempio ha segnalato che più del 70% degli antimalarici venduti in quel Paese è contraffatto.
Pure in Occidente Anche in Europa e nel resto del mondo sviluppato si diffondono i falsi. L’Oms stima infatti che il 60% dei falsi vada nel Terzo Mondo e il 40% nei Paesi industrializzati. Dove internet è il canale privilegiato; qui infatti costano poco e non richiedono ricetta: soprattutto psicofarmaci, compresi gli antidepressivi, e il Viagra. La legge li vieta, ma è difficile fermarli perché sono recapitati in pacchetti anonimi.

firma.png

Previous

Farmaci: meglio pochi ma buoni.

Next

Un attimo di relax #118

3 Comments

  1. C’è di che stare allegri se i farmaci che spacciano per curativi altro non sono che dei placebo… Almeno li distribuissero gratuitamente, invece che farceli pagare come fosse l’oro che cola!! Questo però fa riflettere… tutti i medicinali di cui riempiamo i nostri armadietti sono davvero tutti indispensabili o non ci rifugiamo sempre e subito nella soluzione più immediata e sbrigativa?

    La tristezza nasce davvero per quelle popolazioni che hanno davvero bisogno dell’indispensabile e gli distribuiscono polvere bianca compressa!!

  2. Your cranium must be prtntcoieg some very valuable brains.

  3. Yves dit :Bonjour aux agents d’Erdf,ne pouvez vous pas appeler ou laisser un message un quart d’heure ou une demie heure avant vos interventions comme le font les agents de Veolia ?Yves

Lascia una risposta

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén