Psiche e Soma

Ricette per una vita migliore!

L’errore più grande che stiamo commettendo.



Può un opera d’arte far capire l’errore più grave della cultura occidentale del XXI secolo? Si.
L’opera in questione, quella che potete vedere nellìimmagine, è “Il tempo, lo sbaglio, lo spazio” è una delle tantissime e strabilianti opere di Gino De Dominicis esposte fino al 7 Novembre 2010 al MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma.
L’opera riflette sull’incapacità del genere umano di indirizzare i propri sforzi per sconfiggere la morte del corpo. L’uomo ha velocizzato e moltiplicato i propri movimenti nello spazio e, così facendo, ha l’illusione di vivere più a lungo e di allontanare la morte.
In questo risiede “lo sbaglio” del titolo che, con ironia, accomuna l’uomo e il cani e che conduce inesoarbilmente alla morte, rappresentata dai due scheletri. Concepita nel 1970, solo in un secondo momento l’artista aggiunge all’opera l’asta dorata, in equilibrio sulla falange dell’indice della mano destra dello scheletro umano; l’asta, sospesa tra cielo e terra esprime la forza che connette l’uomo allo spazio interestellare.

Certo la fretta che caratterizza il mondo occidentale dalla fine del secolo scorso è legata al capitalismo, quindi alla produzione di beni reali ma soprattutto superflui al solo scopo di far girare l’economia; è’ un sistema che ha tolto di forza l’uomo dal suo centro e l’ha sostituito con l’oggetto. Ma tutto questo non avrebbe attecchito così tanto se non avesse trovato il suo substrato prefetto nelle profondità dell’essere umano: la paura della morte e la conseguente necessità di sconfiggerla. Nulla di più sbagliato.

“Quanta fretta, ma dove corri, dove vai?”

firma.png

Previous

Un attimo di relax #100

Next

Congiuntiviti, ecco come distinguerle.

1 Comment

  1. Concordo sull’illusione consumistica, ma più che “sull’incapacità del genere umano di indirizzare i propri sforzi per sconfiggere la morte del corpo” credo che lo sbaglio sia il cercare di allontanare la paura della morte invece che cercare di capirne il senso, o meglio comprendere che alcune situazioni debbono essere accettate, non con rassegnazione, ma con attiva consapevolezza, come ci hanno indicato ad esempio la “sorella morte” di Francesco, la morte come consigliera del Don Juan di Castaneda, fino al giro di giostra di Terzani.

Lascia una risposta

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén