Psiche e Soma

Ricette per una vita migliore!

Il webbo e la tastiera…



webbo

Imelio Duzzéro è un simpatico adolescente con una enorme passione per il web. Non un navigatore senza meta, ma un insaziabile curioso che non resiste mai a colmare ogni suo interrogativo. Per questo tutti gli amici, un po’ per onore al merito e un po’ per goliardia, lo hanno soprannominato “Il Webbo”.

Ogni giorno, impietosi e un po’ sadici, gli amici gli propongono una nuova sfida, con domande sempre più difficili e argomenti sempre più oscuri. Ma Il Webbo riesce sempre a sorprenderli con risposte precise ed efficaci. Ma loro non sanno che Il Webbo ha un trucco segreto: migliaia di amici per ogni argomento, sempre pronti ad aiutarlo.

L’ultima volta, i furbetti, gli hanno chiesto: perchè le lettere sulle tastiere hanno una certa disposizione?

Accidenti! Che domanda difficile! Sono quelle cose che ogni tanto ci chiediamo ma a cui nessuno sa dare risposta… o forse no?
“Mumble mumble” pensa Imelio “ma io.. ma io ricordo qualcosa…. l’ho letto da qualche parte, ma dove? Ma certo! Ora ricordo: le tastiere americane d vono la disposizione dei loro tasti a Christopher Latham Sholes, uno stampatore di Milwaukee che verso la fine degli anni Sessanta del XIX secolo progettò con Carlos Glidden un sistema per la scrittura meccanica sulle pagine. Ma nelle prime versioni, i martelletti tendevano a incastrarsi con estrema facilità tra loro, specialmente nel caso di numerose battute al minuto.
Per ovviare al problema dell’incastro dei martelletti, Sholes e Glidden decisero di allontanare tra loro i tasti delle lettere maggiormente utilizzate. Ciò consentì di organizzare meglio il movimento dei martelletti, che riuscivano così ad alternarsi senza scontrarsi l’uno con l’altro. La dislocazione dei tasti nella seconda riga di ogni tastiera (ASDFGHJKL) testimonia ancora la disposizione alfabetica concepita dai due inventori.
L’organizzazione dei tasti fu ulteriormente ottimizzata, introducendo l’ordine dei tasti della prima fila di lettere che ancora oggi dà il nome alle tastiere americane: QWERTY(UIOP).”
E’ proprio bravo questo Imelio, e la sua bravura è legata alla sua voglia di conoscere che lo spinge a leggere tanti blog e in questo caso è ad aiutarlo è stata la lettura del blog del suo amico Anecoico in cui ha trovato il post “Perché le lettere sulle tastiere hanno una certa disposizione?“, dove è raccontata tutta la storia delle tastiere.
E se lo legge Imelio allora dovreste leggerlo anche voi ;)

Ps Il Webbo è una idea di Merlinox. Questa storia è stata scritta per voi da DanieleMD, invitato da Merlinox.

firma.png

Previous

Occhi stanchi? Un rimedio veloce e naturale.

Next

Il cervello: togliamoci qualche curiosità.

5 Comments

  1. Grande Doc. Non solo hai aiutato me ed Imelio a risolvere un difficile quesito, ma sei riuscito addirittura a propore una interessante storia che sicuramente in pochi conoscono!

  2. io la sapevo, ignoravo i nomi ma conoscevo la storia :)

  3. Non c’era dubbio! Tu sei sempre un grande. Io la sapevo più o meno così ma un po’ più contorta. La spiegazione meccanica mi sembra perfetta. E poi del DOC, di Imelio e dei suoi amici mi fido!

  4. Interessante…

    Il Blog | Attualità | Psicologia

  5. C’è sempre qualcosa da imparare :)

Lascia una risposta

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén