Psiche e Soma

Ricette per una vita migliore!

I benefici del tonno.



tonno

Il tonno comporta sia vantaggi che svantaggi sulla salute… vi informo su entrambi e lascio a voi, come sempre, la scelta.

Il tonno è ricco di proteine, protegge la vista riduce il rischio di infarto e aiuta a prevenire l’artrite.
Una volta i samurai consideravano il tonno cattivo da mangiare, mentre ora è uno dei pesci più consumati in Giappone.
Era il 1903 quando la penuria di sardine costrinse un conservificio a inscatolare le alalunghe, una specie di tonno senza valore commerciale; ma da allora il tonno in scatola divvenne un cibo popolare aprendo la strada all’industria del tonno.
I delfini vengono spesso catturati ed uccisi insieme ai tonni e per questo nel 1972 il Congresso promulgò il Marine Mammal Protection Act (MMPA), ovvero il decreto per la protezione dei mammiferi marini, per proteggere i delfini da tipologie di pesca dannose.Questa politica di protezione ha dato dei buoni risultati, tanto che la mortalità dei delfini a causa della pesca al tonno è diminuita del 97% nell’ est Pacifico.
Molte marche di tonno infatti appongono sulle confezioni lo slogan “ I delfini non sono stati uccisi nel pescare questo tonno”.
Comunque l’unione di consumatori negli Usa ha dichiarato che questo non costituisce una garanzia perchè non c’è modo di poter effettuare dei controlli da parte di un organo super partes.

Proprietà nutrizionali

Composizione:
Il tonno è un eccellente fonte di Omega 3,proteine, potassio, selenio e vitamina B12. Contiene anche buone quantità di niacina e fosforo

Indice glicemico:
in uno studio che ha misurato l’indice glicemico di diversi tipi di cibo, il tonno è risultsto avere un IG uguale a zero.

Proteine:
il tonno è un’ottima fonte di proteine, e, mentre durante il processo di inscatolamento si perdono vitamine e minerali, i valori proteici rimangono intatti.

Prevenzione del cancro:
In uno studio su 61433 donne è stato evidenziato che il consumo degli acidi grassi contenuti nel pesce riducono la probabilità di ammalarsi di cancro al seno . Ricerche preliminari dimostrano xhe gli omega3 inibiscono la crescita del cancro al seno e il reparto oncologico del St Thomas’ Hospital di Londra ha proposto alle donne in età fertile che haano superato i 40 anni, che sono soggetti a più alto rischio di contrarre il carcinoma mammario, di integrare la propria dieta con una maggiore quantità di tonno.

Morbo di Alzheimer:
Molte ricerche hanno messo in luce che aumentare il consumo nell’alimentazione degli acidi grassi EPA e DHA contenuti nel pesce e soprattutto nel tonno, può ritardare il degclino cognitivo degli anziani. Un altro studio ha dimostrato che una dieta ricca di pesce si associa a migliori capacità mnemoniche e mentali. Il Cardiovascular Health Cognition Study ha evidenziato che chi consuma pesce due volte alla settimana riduce il rischio di demenza senile del 28% e del 41% per il morbo di Alzheimer rispetto a chi ne mangia meno di una volta. I dati raccolti durante molte ricerche hanno messo in luce che aumentare il consumo nell’alimentazione degli acidi grassi EPA e DHA contenuti nel pesce e soprattutto nel tonno, può ritardare il declino cognitivo degli anziani. Un altro studio ha dimostrato che una dieta ricca di pesce si associa a migliori capacità mnemoniche e mentali. Il Cardiovascular Health Cognition Study ha evidenziato che chi consuma pesce due volte alla settimana riduce il rischio di demenza senile del 28% e del 41% per il morbo di Alzheimer rispetto a chi ne mangia meno di una volta al mese.

Pressione sanguigna:
Una ricerca internazionale su 4680 uomini e donne di diverse età, ha mostrato che il consumo di grassi omega 3 (prevalentemente presenti nel pesce) può essere di aiuto nel prevenire l’ipertensione.

Vista:
Il risultato di alcuni studi ha evidenziato che gli acidi grassi omega 3 e il consumo abituale di pesce riducono il rischio di degenerazione maculare della retina, una patologia legata all’età. Inoltre un frequente consumo di omega 3 aiuta nelle sindrome dell’occhio asciutto

Cuore:
Diversi studi e sperimentazioni cliniche hanno dimostrato con nettissima evidenza che anche un modesto consumo di omega 3 o di olio di pesce ( 1/2 dosi alla settimana di olio di pesce, aprrossimativamente 250mg/d di EPA+DHA) riduce sostanzialmente il rischio di malattie coronariche e cardiache mortali

Artrite:
In sperimentazioni cliniche con doppio cieco, effettuate cioè con una parte dei pazienti sottoposte a placebo, è stao messo in luce che l’incremento nell consumo di omega 3 attraverso olio di pesce può avere effetti benefici nell’artite reumatoide

Avvertenze

I grandi pesci predatori come il tonno possono contenere alti livelli di mercurio, che è conosciuto come una sostanza tossica a livello neurologico.
In alcuni test sulla sicurezza del cibo, tonno alalunga o tonno bianco in scatola, oltre che fresco o congelato, sono stati trovati livelli di mercurio significatimente più alti che nel tonno inscatolato della varietà chunk light Le donne incinte, che allattano o bambini piccoli dovrebbero evitare di mangiare pesce con alto contenuto di mercurio.
Il tonno pinna blu,c he è utilizzato specialmente per il sushi, rischia l’estinzione per la pesce eccessiva che lo sta decimando, e solo per questa ragione sarebbe bene non mangiarne.
Sebbene molte industrie conserviere si dichiarino “amiche dei delfini”, sulle loro scatolette, va ricordato che la pesca dei tonni con i palangari colpisce indiscriminatamente, squali, tartarughe e gabbiani.

Previous

Creato il “laser da tavolo”…

Next

Un attimo di relax #19

3 Comments

  1. Non sapevo tutte queste cose, bellissimo post..

  2. mammafelice

    Per quanto riguarda gli omega 3, ti risulta però che con la cottura vadano persi essendo termolabili? Bisognerebbe mangiare pesce ricco di o3 crudo.
    E’ così?

  3. Hey there I am so grateful I found your blog, I really found you by error, while I was looking on Digg for something else, Anyways I am here now and would just like to say many thanks for a incredible post and a all round entertaining blog (I also love the theme/design), I don’t have time to read it all at the moment but I have saved it and also included your RSS feeds, so when I have time I will be back to read much more, Please do keep up the fantastic work.

    My blog post :: read more – http://julespckg.mylivepage.com

Lascia una risposta

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén