Psiche e Soma

Ricette per una vita migliore!

Come si prende il “verme solitario”? E quali sintomi produce?



Oggi un’altra domanda e risposta della rubrica: Psichesoma Answers!

In questa rubrica troverete risposta alle domande che mi avete posto via email e che ho reputato essere di interesse generale.

D. Come si prende il “verme solitario”? E quali sintomi produce?.
R. Con il termine “verme solitario” si intende la Tenia soliume, più in generale, le tenie (Platelminti cestodi), vermi che parassitano l’intestino dell’uomo e di molti animali. Le tenie sono ermafrodite, cioè hanno gli organi riproduttori sia maschili sia femminili. Ogni segmento, detto proglottide, della Tenia solium ha sia testicoli sia ovaie, e ognuno insemina quello successivo, producendo migliaia e migliaia di uova fecondate, che vengono espulse con le feci. Gli esseri umani si possono infestare mangiando carni crude o poco cotte (per esempio salumi) che ne contengono le larve: la Tenia solium arriva dal maiale, la Tenia saginata dai bovini. I vermi intestinali sono molto dannosi e producono vari disturbi, come allergie, nausea, calo di peso, nervosismo, dolori addominali. E sono diffusi tra gli esseri umani più di quanto si pensi. Questa patologia si cura con farmaci specifici che uccidono il parassita. La Tenia solium può raggiungere gli 8 metri di lunghezza.
Hai qualche domanda da pormi? Invia subito una mail a GMail

firma.png

Previous

L’uomo in cifre. Parte 2

Next

Un attimo di relax #138

1 Comment

  1. I sintomi sono: diarrea insistente, crampi, dolore addominale e, a volte, prurito anale o rettale. È necessario prendere dei campioni delle feci, specialmente se trovate una specie di seme di cetriolo piccolo a forma di uovo nel pannolino del bebè o nelle feci del bambino.

    Per saperne di più leggi questo articolo:
    http://salute.uncome.it/articulo/come-eliminare-la-tenia-o-verme-solitario-1469.html

Lascia una risposta

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén