Psiche e Soma

Ricette per una vita migliore!

Ayurveda test: Di che tipo è la tua energia vitale?



ayurveda

L’ayurveda (in sanscrito: आयुर्वेद) è la medicina tradizionale utilizzata in India fin dal IV millennio a.C., diffusa ancora oggi nel sub-continente più della medicina occidentale. Ayurveda è una parola composta da ayu, vita e veda conoscenza, traducibile quindi come scienza della vita. È attualmente annoverata dall’Unione Europea e dalla maggior parte degli Stati membri tra le medicine non convenzionali la cui erogazione è consentita da parte di medici qualificati.
L’ayurveda si occupa da tutti i punti di vista del benessere dell’uomo, nel suo aspetto fisico, psichico e spirituale e si occupa delle patologie tanto quanto dello stato di salute normale. Lo scopo è quello di aiutare i malati a curarsi, e le persone sane a mantenere il proprio benessere e prevenire le malattie.

Secondo l’Ayurveda il corpo fisico è pervaso da tre dosha (energie vitali) in proporzioni diverse. Questi determinano tramite il loro stato di equilibrio o squilibrio rispetto alla costituzione individuale (prakriti) lo stato di benessere o malattia dell’individuo. Ogni dosha è composto da due elementi (panca-mahabhutani) ed ha determinate qualità (guna) che li caratterizzano.
E’ frequente avere due dosha predominanti, in tal caso la costituzione verrà definita ad esempio vata/pitta, pitta/vata, pitta/kapha, ecc.
I dosha consentono di classificare le tendenze psico-fisiche presenti nel corpo e le disfunzioni che ne possono derivare. Secondo l’ayurveda le patologie nascono quando si vengono a creare degli squilibri nei dosha (vikriti); l’individuazione degli squilibri in un dosha, corrispondente alla diagnosi, conducono a trovare i rimedi per ristabilirne lo stato di equilibrio individuale (prakriti) e quindi la guarigione.

I tre dosha sono:

Vata

Composto da etere (akasha) e aria (vayu), è il principio del movimento, legato a tutto ciò che è movimento nel corpo (sistema nervoso,respirazione,circolazione sanguigna..). Le sue qualità sono: freddezza, secchezza, leggerezza, sottigliezza, mobilità, nitidezza, durezza, ruvidità e fluidità. La sua sede principale è il colon.

Pitta

Composto da fuoco (tejas) e acqua (jala), è il dosha legato alla trasformazione, alla digestione intesa sia a livello fisico (stomaco, fuoco digestivo detto anche agni) che mentale (elaborazione delle emozioni). Le sue qualità sono: caldo, untuoso, leggerezza, sottigliezza, mobilità, nitidezza, morbidezza, levigatezza, chiarezza e fluidità. La sua sede principale è l’intestino tenue.

Kapha

Composto da acqua (jala) e terra (prithvi), è il dosha legato alla coesione, al tener unito, è proprio dei fluidi corporei, lubrifica e mantiene il corpo solido ed uniforme. Le sue qualità sono: freddezza, umidità, pesantezza, grossolanità, stabilità, opacità, morbidezza, levigatezza e densità.

Adesso ti porpongo un piccolo test per individuare il tuo (o i tuoi) dosha. Scegli per ogni voce quella che più ti rispecchia – nel dubbio puoi scegliere più di una risposta – poi conta il numero delle risposte vata, pitta e kapha.

test1
test2
test3

Qual è il tuo Dosha? Io sono Kapha-Pitta.

firma.png

Previous

Contest Airdave.it ti regala un iPod Touch da 8 GB!

Next

Un attimo di relax #53

4 Comments

  1. idem …. anche io kapta-pitta … ora mi informo e vediamo cosa devo fare …. :]

  2. allegra

    io sono un tipo decisamente pitta con qualche tendenza al vata. Cosa devo fare?

  3. gabriella

    sono decisamente pitta e anche kapha,
    cosa devo fare?
    grazie

  4. Barbara

    Io sono Vata\Pitta….quando se ne hanno due, cosa e’ giusto fare? Grazie

Lascia una risposta

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén